23 <span class='grey'>7 3 1</span> - Decoditunnel - Stefano Russo

23 7 3 1 - Decoditunnel

Legno
3 x 3 x 7 m

Il Decoditunnel è passaggio obbligato verso ulteriori step di conoscenza. La sua inclinazione a 23 gradi genera nel fruitore un senso di disagio percepito come “squilibrio” che momentaneamente azzera il sovrapensiero. È una sorta di rito purificatore, iniziatico di un percorso esperienziale tra scienza e coscienza. Il visitatore, ormai abbandonate le problematiche del quotidiano tramite questo sbilanciamento, affronterà con più presenza e senza alcuna influenza di giudizio le tematiche espresse durante il percorso espositivo della mostra.








Share



Arte&Progetti

L’altezza è profondità, l’abisso è luce inaccessa, la tenebra è chiarezza, il magno è parvo, il confuso è distinto, la lite è amicizia, il dividuo è individuo, l’atomo è immenso.

Giordano Bruno

È un atto di coscienza che analizza il percorso delle frequenze luminose nel nostro sistema neurologico.

Perfetta corrispondenza tra organi, aree geografiche, costellazioni: i tre livelli si allineano sincronicamente in un unico punto. Il punto di creazione.

Stefano Russo

C’è qualcosa nel cervello che non distingue la differenza tra noi e gli altri, e anche il riconoscimento delle emozioni sembra poggiare su un insieme di circuiti neurali che, per quanto differenti, condividono quella proprietà “specchio” già rilevata nel caso delle azioni.

Stefano Russo

Il progressivo sviluppo dell’uomo dipende dalle invenzioni. Esse sono il risultato più importante delle facoltà creative del cervello umano. Lo scopo ultimo di queste facoltà è il dominio completo della mente sul mondo materiale, il conseguimento della possibilità di incanalare le forze della natura così da soddisfare le esigenze umane.