Investigating Matter - Stefano Russo

Investigating Matter

Progetto video-fotografico creato nel corso di due anni di ricerca, riprese e sperimentazioni, attraverso l'archiviazione di più di 100 scenari, riprese di materie diverse, in occasione di diversi viaggi in giro per il mondo.
Ideato per investigare e andare oltre ciò che appare, partendo dalla superficie per trovare il punto, il varco, la porta di accesso ai livelli più nascosti e invisibili.
L'analisi delle superfici, l'indagine sulla materia che compone tutte le cose, la conoscenza di tutto ciò che ci circonda, la consapevolezza di ciò che viviamo dentro; partendo dall'occhio avvertendo le micro vibrazioni attraverso le frequenze ai diversi livelli, tra una sinapsi e l'altra.
Nell'interstizio tra atomo e atomo.
Andare oltre la superficie, dentro la materia oltre la materia.




Investigating Matter - Detail 1 - Stefano Russo
Investigating Matter - Detail 2 - Stefano Russo










Share



Arte&Progetti

Dio ha inserito un’arte segreta nelle forze di natura in modo da consentire a quest’ultima di modellarsi passando dal caos a un perfetto sistema del mondo.

Immanuel Kant

Percettori: oggetti conduttori energetici in continua tensione e relazione con gli altri elementi e lo spazio circostante. Oggetti che vedono nell’equilibrio e nella trasmissione energetica il segreto dell’integrità. Tra l’arcaico scientifico ed il futuro.

Stefano Russo

Potentia (Dynamis in greco) esprime la potenzialità, la capacità, la possibilità di azione non realizzata. Nel pensiero aristotelico possiamo anche trovare Dynamis che significa la possibilità. La potenza non è soltanto un concetto mentale, ma è il senso dell’essere.

Stefano Russo

Si tratta di una comprensione “pre-concettuale” che ci costringe a riconsiderare il significato stesso di comprensione e cognizione, legando più strettamente il complesso delle attività cognitive, come la memoria, la percezione, il linguaggio.

Stefano Russo

Il movimento continuo degli elettroni intorno al nucleo, fatto di neutroni e protoni, ispira il moto costante di tutte le cose, visibili e invisibili.
È il principio da cui nasce Athomie, tradotto in un concept che si concentra sul senso tattile e visivo. Da qui muove la creazione di oggetti contenenti Atomi-Sfere, come struttura molecolare, volumi che ruotano e, scivolando sulla pelle come una carezza, originano
sensazioni tattili e vibrazioni uniche. L’interazione del pezzo con chi lo indossa supera il semplice rapporto con dei canoni estetici, introducendo un nuovo modo di vivere i gioielli sulla pelle.