Japan Electromagnetic - Stefano Russo

Japan Electromagnetic

Japan Electromagnetic è una composizione di visiere che trova il punto di partenza dalle fotografie del traffico di energia nella metropoli giapponese, scattate durante un viaggio di ricerca.
I soggetti testimoniano di centrali elettriche, cavi, viaggi sopra le aree popolate creando molteplici campi elettromagnetici.
I lavori sono composti da tre gruppi di tre differenti proporzioni e sono sviluppati su conduttori metallici riciclati e visiere di veicoli.
L’installazione si sviluppa in due direzioni: orizzontale e verticale.








Share



Arte&Progetti

È un atto di coscienza che analizza il percorso delle frequenze luminose nel nostro sistema neurologico.

L’unicità può essere il prodotto di processi che sono essi stessi comuni a tutta la materia vivente.

Robert Foley

Il movimento continuo degli elettroni intorno al nucleo, fatto di neutroni e protoni, ispira il moto costante di tutte le cose, visibili e invisibili.
È il principio da cui nasce Athomie, tradotto in un concept che si concentra sul senso tattile e visivo. Da qui muove la creazione di oggetti contenenti Atomi-Sfere, come struttura molecolare, volumi che ruotano e, scivolando sulla pelle come una carezza, originano
sensazioni tattili e vibrazioni uniche. L’interazione del pezzo con chi lo indossa supera il semplice rapporto con dei canoni estetici, introducendo un nuovo modo di vivere i gioielli sulla pelle.

Stefano Russo

L’altezza è profondità, l’abisso è luce inaccessa, la tenebra è chiarezza, il magno è parvo, il confuso è distinto, la lite è amicizia, il dividuo è individuo, l’atomo è immenso.

Giordano Bruno

Perfetta corrispondenza tra organi, aree geografiche, costellazioni: i tre livelli si allineano sincronicamente in un unico punto. Il punto di creazione.