Self Protection - Stefano Russo

Self Protection

Electro magnetic protection funziona da scudo protettivo e da regolatore di flussi del circuito che avvolge la testa isolandola dall’eccesso di elettrosmog.
Il monocolo decentrato a sinistra serve per amplificare l’intuito, l’istinto, l’espressività e lo spazio collegati all’emisfero destro.
Uno spazio puro dove poter creare altri stati di percezione più consapevoli mediante la “Radiestesia” che rappresenta una forma di percezione extrasensoriale che permette all'uomo di mettersi in contatto con il mondo che lo circonda in modo particolare e profondo, e più precisamente con i suoi cinque sensi.
Radiestesia è una parola coniata nel 1929 dall'Abate Alex Bouly e deriva da due parole: una di origine greca RADIUS ed una di origine latina AISTETIS che significano RAGGIO e SENSIBILITA'. La Radiestesia è una disciplina che permette di captare energie vibrazionali oltre il limite dei cinque sensi e di dare risposte attraverso strumenti come l'ANTENNA DI LECHER.
La ricerca radiestesica può toccare qualunque argomento; dalla salute e quindi il corpo, all' agricoltura, agli alimenti, ai rimedi, alle case, ai corsi d' acqua, all'ecologia e a tutto ciò che fa parte della nostra vita quotidiana.
Questo perchè ogni forma di vita, animale o vegetale, è sia un’ antenna ricevente che una sorgente di energia, che interagisce a sua volta con quella del nostro ambiente.
Le caratteristiche benefiche o nocive dell'elettromagnetismo presente nel luogo dove viviamo hanno una consistente parte di responsabilità sulla salute e sulla qualità della vita, sia nell' uomo come nelle piante.
Nuovi studi hanno messo in evidenza che lo stesso mondo vegetale è in grado di interagire direttamente sull'ambiente, modificandone la sua influenza elettromagnetica per la salute dell'uomo.











Share



Arte&Progetti

Il grado di inclinazione dell’asse terrestre in relazione al sole, la pendenza del nostro cuore rispetto alla gabbia toracica, la disposizione tra gli assi mediani degli occhi e gli assi orbitari.

Riflessi d’interno esplora e analizza il punto di bilanciamento tra la dimensione interiore e esteriore dell’essere. I riflessi che restano impressi nel nostro occhio dal mondo esterno, ispirano le riflessioni interiori che analizziamo e a cui ci sottoponiamo costantemente. Riflessi e riflessioni, movimenti esteriori e movimenti interiori

Stefano Russo

Nuove mappe cognitive, nuovi scenari esistenziali ci si prospettano, inframondi in cui il corpo acconsente metamorfosi, trasmutazioni sensoriali dove il principio di relazione tra gli oggetti che ci circondano diventano ispirazione e spunto di questo cambiamento percettivo.

Stefano Russo

È un atto di coscienza che analizza il percorso delle frequenze luminose nel nostro sistema neurologico.

Non si possono concepire i molti senza l’uno.