Vib Eye - Stefano Russo

Vib Eye

Installazione multisensoriale interattiva

L’Occhio del Viaggiatore

Un occhio che proietta immagini di viaggio attraverso Terre e cieli, differenze razziali e culturali, una memoria visiva ancestrale che si trasforma con l’interazione umana.

Al centro di uno spazio è posta una sfera dalla quale si eleva una serie di corde che, una volta sfiorate, proiettano sul soffitto l’immagine di un’iride e, contemporaneamente, emettono un suono accompagnato da una fragranza.

Questa installazione multisensoriale permette innumerevoli variazioni di colori, suoni e profumi in base al punto in cui la corda viene toccata. Tutti i sensi sono collegati da combinazioni di frequenza, scambi di vibrazioni e lo spettatore stesso diventa parte dell’opera attraverso il suo personale contatto con le corde.

Posto al centro di questo universo proiettato sopra la testa si trova l’occhio con le infinite sfumature dell’iride, principio di conoscenza, origine di sensazioni, punto di arrivo per la luce esteriore, di partenza per quella interiore, punto in cui si mescolano anima e corpo.




Vib Eye - Detail 1 - Stefano Russo
Vib Eye - Detail 2 - Stefano Russo







Share



Arte&Progetti

Il progressivo sviluppo dell’uomo dipende dalle invenzioni. Esse sono il risultato più importante delle facoltà creative del cervello umano. Lo scopo ultimo di queste facoltà è il dominio completo della mente sul mondo materiale, il conseguimento della possibilità di incanalare le forze della natura così da soddisfare le esigenze umane.

Nikola Tesla

Si tratta di una comprensione “pre-concettuale” che ci costringe a riconsiderare il significato stesso di comprensione e cognizione, legando più strettamente il complesso delle attività cognitive, come la memoria, la percezione, il linguaggio.

Stefano Russo

L’unicità può essere il prodotto di processi che sono essi stessi comuni a tutta la materia vivente.

Robert Foley

Riflessi d’interno esplora e analizza il punto di bilanciamento tra la dimensione interiore e esteriore dell’essere. I riflessi che restano impressi nel nostro occhio dal mondo esterno, ispirano le riflessioni interiori che analizziamo e a cui ci sottoponiamo costantemente. Riflessi e riflessioni, movimenti esteriori e movimenti interiori

Stefano Russo

Non si possono concepire i molti senza l’uno.